IceBucketChallenge (#IceBucketChallenge), ossia “la sfida del secchiello di ghiaccio” è  un progetto della Als Association, un’organizzazione statunitense no profit che sostiene la ricerca sulla sclerosi laterale amiotrofica.

Come funziona Ice Bucket Challenge? Semplice!

I video fanno parte di un progetto benefico, finalizzato alla conoscenza della malattia, che coinvolge chiunque voglia partecipare attraverso un semplice invito: quando nomini qualcuno costui è tenuto o a donare cento dollari entro 24 ore alla Als Association, oppure,  a filmarsi mentre si getta in testa un secchio pieno di ghiaccio, nominando successivamente altre persone che dovranno fare la stessa scelta.

La tendenza di IceBucketChallenge è stata talmente virale che le secchiate d’acqua sono state filmate in entrambi i casi da celebrità come Oprah Winfrey, George W. Bush, Steven Spielber, Lady Gaga mentre in Italia da Celentano a Matteo Renzi, Jovanotti.

 

 

 

Perché un fenomeno come l’Ice Bucket Challenge sta riscuotendo tutto questo successo?

Nonostante i nobili intendi della catena (raccogliere fondi a favore della ricerca sulla SLA) questa non spiega di per  sé la spirale benefica e contagiosa che ha coinvolto il mondo intero.

Internet e i Social hanno contribuito attivamente alla diffusione di Ice Bucket Challenge.

In passato nessun altra campagna di solidarietà aveva ottenuto risultati di questo tipo. Il nuovo modo di comunicare che il Web e i nuovi media stanno apportando danno forma a  contenuti generati dagli utenti, veloci, auto celebrativi, comunque attraenti e  facili da condividere.

La potenza del video

La comunicazione sul web da sempre più spazio ed importanza a contenuti di qualità e pertinenti, al fine di agevolare l’utente nelle sue ricerche online. Il video in questo senso ha una marcia in più: un contenuto video efficace può creare maggiore coinvolgimento e condivisione diventando, come in questo caso, virale!

VEDI ANCHE I vantaggi del Web Video Branding 

La nomination crea comunità virtuali

La sociologia delle masse è evidentemente un ulteriore spunto di lettura nell’analisi di fenomeni come quello dell’Ice Bucket Challenge. Sostenere la lotta alla SLA rovesciandosi addosso un secchio d’acqua gelata crea “legami virtuali” con i nostri contatti.  Un po come funziona per le  richiesta di amicizia su Facebook o per i retweet su Twitter. Nessun obbligo a tal proposito: liberi di partecipare o limitarsi a guardare ciò che succede in rete comodamente seduti davanti al nostro piccolo schermo.

IceBucketChallenge: 3 motivi che hanno reso la beneficienza virale!. Ultima modifica: 2014-08-28T09:48:05+01:00 da Michela De Benedictis