Quale scenario per il SEO e le predizioni future?

Il panorama SEO è in continua evoluzione e gli operatori di marketing devono adattarsi a questa evoluzione.

Ma c’è ancora molto che i marketers devono fare per garantire visibilità e ottimizzare l’indicizzazione dei siti web e presenza online.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca e individuare come il SEO e le predizioni future possano cambiare lo scenario per il 2018 è quello di cui discuteremo in questo articolo.

#1 Mobile First

Sempre più si afferma il mobile first, e la ricerca degli utenti tramite mobile, motivo per cui bisogna concentrarsi sulla User Experience e tutti quei fattori che determinano l’usabilità e la reperibilità dei contenuti tramite i vari dispositivi. l’UX sarà indispensabile per aiutare gli utenti a impegnarsi attivamente su un sito e sui suoi contenuti specialmente sul mobile.

#2 Content Strategy

Un’altra previsione, di cui abbiamo discusso più volte recentemente, è sull’importanza dei contenuti e la metodologia Inbound.

Le aziende SEO si basano su marketing mix (marketing outbound e anche inbound), marketing video e pubblicità per i social media a pagamento per ottenere la massima esposizione.
I motori di ricerca come Google, Baidu, yandex hanno già implementato l’intelligenza artificiale nei loro sistemi di ricerca.
Gli annunci a pagamento aiutano a dare maggior visibilità a un certo prodotto o sito web, in tempi molto più rapidi.

Ma come sappiamo, e come molti sottovalutano, i siti web ottengono una migliore esposizione online per il loro contenuto. Molte aziende si affidano al marketing dei contenuti, pagando meno per le campagne a pagamento.
Utilizzare parole chiave è fondamentale per una strategia di contenuti, ma sempre più saranno gli argomenti, i “topics” ad essere considerati e indicizzati.

SEO e le predizioni future - ecco cosa sapere-siri

 

#3 Ricerca Vocale

La ricerca vocale diventa sempre più oggetto da prendere in considerazione. Il search di Google è ancora tanto utilizzato ma molti sono gli utenti che utilizzano i comandi vocali per cercare argomenti o prodotti.
KPCB ha rilevato che tra il 2008 e il 2016, l’uso di query utilizzate popolarmente nei comandi vocali è aumentato di 35 volte.
Inoltre, il tasso di accuratezza delle parole sulle piattaforme di ricerca vocale sta migliorando rapidamente con le principali piattaforme che ottengono più della precisione del 90%.
Questi numeri suggeriscono che gli utenti di Internet stanno iniziando a utilizzare la ricerca vocale più frequentemente.

#4 SSL

I siti web senza un certificato SSL continueranno a scendere nel ranking di ricerca e segnalati da Google come NON sicuri. Da circa il Gennaio scorso, infatti, Google penalizza tutti i siti non certificati SSL. I siti internet che hanno attivato un certificato SSL acquisiscono, inoltre, maggiore autorevolezza agli occhi di Google e questo si tramuta in miglioramento del posizionamento del proprio sito internet durante le ricerche effettuate dagli utenti.

 

Contattaci per scoprire come ottimizzare le tue strategie di marketing e rafforzare il tuo brand!

SEO e le predizioni future: ecco alcune cose da sapere. Ultima modifica: 2017-10-09T12:14:50+00:00 da Francesca Wurzburger