Aumentare la redditività delle aziende B2B? Ecco perché!

Internet ha completamente cambiato il nostro modo di vivere, diventando la fonte primaria di informazioni e rivoluzionando il modo in cui le aziende comunicano con i loro clienti.

Avere un sito web è indispensabile per aumentare la redditività delle aziende b2b ed è necessario per poter mettere a disposizione informazioni utili agli utenti che ci trovano.

Perché un buon sito può aumentare la redditività delle aziende B2B?

Per acquisire nuovi clienti è necessario essere visibili sui mezzi che le persone utilizzano per reperire informazioni sui prodotti/servizi che intendono acquistare.

Uno dei canali più sottovalutati ma indispensabili sono i Social Media che aiutano a creare ulteriori accessi sul sito aziendale.

Le piattaforme Social, se utilizzate ad hoc, possono essere un potente strumento per generare campagne di advertising efficaci.

Oggi uno dei punti di forza per le aziende B2B per aumentare le azioni sociali, le vendite e le impressions è quello anche di ottimizzare i contenuti condivisi sui Social Media.

Per informare correttamente gli utenti è fondamentale lavorare sullo sviluppo dei contenuti.

Questi devono essere realizzati per essere pertinenti con l’argomento trattato e pronti a soddisfare le esigenze dei consumatori senza essere invadenti.

La decisione d’acquisto parte con una ricerca su un Motore di Ricerca, il 60% di tutte le ricerche effettuate viene svolta tramite Google.

 

aumentare-la-redditivita-delle-aziende-b2b

 

Sempre più sono le persone che ricercano sul web maggiori informazioni prima di decidere di acquistare un prodotto.

Di conseguenza è importante avere un sito web e fornirlo di una mappa e delle indicazioni su come arrivare al vostro ufficio o negozio.

In tale modo i visitatori avranno meno problemi a trovare informazioni su di voi ed avere tutte le indicazioni su come raggiungervi fisicamente, o contattarvi tramite telefono o email.

Un buon sito può aumentare la redditività delle aziende B2B per crescere e raggiungere il pieno potenziale.

Non essere presenti su internet è come perdere una grande opportunità di raggiungere nuovi clienti e dunque si corre il rischio di farsi battere dalla concorrenza.

Purtroppo oggi non tutti sono in possesso di un sito web; la stragrande maggioranza dei siti web aziendali ha solo pagine istituzionali: “chi siamo”, “cosa facciamo”, “dove andiamo” e così via.

In pochi azzardano inserire sezioni come una “rassegna stampa”, di PDF presi da giornali e una sezione notizie, o, nei casi più fortunati, inserire la sezione “Blog/News” fondamentale per aumentare la redditività delle aziende B2B.

Ci sono dei punti che dobbiamo tenere conto:

#1 Abituarsi al cambiamento

In base alle esigenze del consumatore, le aziende devono diversificare il loro “formato”.

I consumatori vogliono vedere più sui social media, notizie, articoli e video.

Le aziende dovrebbero investire risorse per creare questi contenuti che di fatto oggi costituiscono le vere abitudini dei consumatori.

 

#2 Accessibilità

Bisogna essere sempre parte di una conversazione, ovvero, condividere cose utili e contenuti rilevanti che la gente può cercare.

Cercare di porre sempre una domanda e di seguito trovare la risposta in merito a quello che può essere un problema per l’utente, e dare la possibilità di risolverlo.

Un sito web è online e accessibile 24 ore al giorno, tutti i giorni dell’anno.

Di conseguenza, i clienti e quelli potenziali potranno visitare il sito per chiedere supporto o informazioni su prodotti e servizi, ogni volta che ne avranno bisogno.

#3 Contenuti e Contesto

Ogni contenuto deve essere creato ad hoc per ogni stato del buyer’s journey.

Questo consente di educare gli utenti sui loro problemi e soluzioni nel giusto contesto.

Quindi avere un buon sito web e creare contenuti pertinenti può aumentare la redditività delle aziende B2B.

 

Se vuoi iniziare a scoprire come sta cambiando il marketing non perderti la nostra offerta gratuita!

Perché un buon sito può aumentare la redditività delle aziende B2B?. Ultima modifica: 2018-08-28T23:07:00+01:00 da Francesca Wurzburger