L’obiettivo di quest’articolo è di fornire una guida per scegliere la migliore web agency per il sito di un museo.

Come avevo già accennato in un precedente articolo, il sito internet per museo è una delle strategie del marketing museale il cui obiettivo è migliorare la visibilità del proprio prodotto proponendo al pubblico un modo diverso di raccontarsi per coinvolgerlo.

Come deve essere il sito di un museo?

Chiarezza, eleganza e design sono le caratteristiche a cui un museo non può rinunciare per un buon sito web che contenga opere d’arte.
Il sito di un museo deve essere presentato in maniera armoniosa su dispositivi smartphone e tablet oltre al pc.

Il design deve essere accattivante con delle immagini in grado di colpire i visitatori. I contenuti facilmente gestibili e correttamente posizionati in Google.

Un sito internet per museo di qualità è:

sempre in linea e attivo;
sorvegliato costantemente;
migliorato adeguatamente;
aggiornato con controlli regolari;
volto a interagire con gli utenti;
utile come strumento;
preparato al controllo delle statistiche di accesso al sito.

Guida per scegliere la migliore web agency per il sito di un museo
Qual’è il ruolo della web agency per la creazione di un sito web?

Il ruolo di una web agency è quello di studiare gli obiettivi dei clienti e offrire soluzioni pratiche appropriate volte a migliorare la visibilità dell’azienda.

Una buona web agency si presenta nelle vesti di partner e non di collaboratore per raggiungere al meglio i successi di un’azienda.

Sono molte le agenzie web disponibili a lavorare per il sito internet di un museo, ma qual è quella più giusta al vostro business?

Ecco gli elementi da valutare come guida per scegliere la migliore web agency per il sito di un museo:

  • Che cosa vuole un museo per il suo sito internet? Il primo passo da fare è avere ben chiaro i propri obiettivi e il budget a disposizione. In questo modo, sarà possibile scartare le agenzie in base ai servizi che offrono e alle loro tariffe.
  • Visitare il sito internet delle web agency. Osservate il sito internet di un’agenzia web da un punto di vista estetico e chiedetevi se rispecchia i vostri gusti. Inoltre, il sito è intuitivo? Aggiornato? Veloce nella navigazione? Le informazioni sono facilmente accessibili?
    È di fondamentale importanza tenere bene in testa che lo scopo di un sito internet è la conversione dei visitatori in potenziali clienti.
  • Controllare la sezione blog e se l’azienda condivide eBook e altri strumenti interattivi (video). Non è una banalità controllare se l’agenzia aggiorna il blog almeno due volte a settimana perché se non lo fa è un brutto segno. Pubblicare regolarmente su un blog è una delle basi dell’Inbound marketing. Come potremmo affidarci a una web agency che non aggiorna neanche il proprio sito?
    Per quanto riguarda il materiale che condividono, chiedetevi se vi motiva a seguirli.
    In altre parole, i loro contenuti sono interessanti o noiosi? Convincenti o non abbastanza? Se una web agency non è in grado di promuovere se stessa, pensate che possa essere in grado di promuovere il vostro museo?
    Scoprite anche se nel loro blog hanno parlato di musei. Se non l’hanno mai fatto, molto probabilmente non hanno mai avuto a che fare con il vostro settore.
  • Controllare la sezione clienti. Un’agenzia web che presenta la sezione clienti è sicuramente un aspetto positivo, perchè in questo modo avrete la possibilità di osservare con chi hanno lavorato. Se poi vi sono anche eventuali feedback degli utenti è ancora meglio. Controllate in particolar modo che la web agency abbia già collaborato con musei, in maniera tale da poter visitare il sito internet su cui hanno lavorato e trarre le vostre conclusioni.
  • Analisi SEO. Osservate se la web agency è ben posizionata sui motori di ricerca.
  • La web agency presenta dei riconoscimenti Google AdWords o Analytics?
  • Non fidatevi di una web agency che non fa domande. Proprio così! Un’agenzia che non si preoccupa di studiare bene il vostro caso non può garantire i risultati sperati basandosi solo sulla conoscenza del vostro settore. Chiedete all’agenzia informazioni sulla loro metodologia e valutate che siano in grado di pensare in modo critico ai vostri obiettivi.

Quelli appena citati sono i caratteri della nostra guida per scegliere la migliore web agency per il sito di un museo. Un’altra raccomandazione altrettanto importante riguarda la relazione quasi personale che si instaura con l’agenzia. Poiché passerete molto tempo a parlare con rappresentati della web agency, sarà meglio capire già dal primo incontro se lo spirito e il loro stile di lavoro sono simili al vostro.

Quello che dovete fare ora è contattare Telemaco, la vera web agency in grado di offrire un sito internet per museo attraente dai canoni estetici avanzati e con la migliore usabilità.

Cosa aspettate! Cliccate qui sotto!

Progetto Gratuito Marketing Musei

Guida per scegliere la migliore web agency per il sito di un museo 2.0. Ultima modifica: 2018-03-06T14:00:22+00:00 da Sara El Jemli