Google lancia advertising nella realtà virtuale: un team selezionato da Big G starebbe già sviluppando delle integrazioni sempre più efficaci tra mondi costruiti attraverso Augmented Reality oppure VR e mercato pubblicitario.

Area 120 è l’azienda che si occupa di startup e ha lanciato questo nuovo progetto per trasferire l’adevitising nella realtà virtuale.

Il nome di questo progetto è VR Ads Developer Early Access Program, e incoraggia programmatori, coder e tutti coloro che si occupano di tecnologia di valutare la prossima “Big Thing” nell’ambito VR, cioè la pubblicità.

VR Ads Developer Early Access Program

VR Ads Developer Early Access Program nasce proprio dalla necessità di iniziare a pensare a come monetizzare i contenuti sviluppati per la realtà virtuale.

I test potranno essere condotti attraverso l’interazione con i visori Cardboard (su dispositivi Android e iOS), Daydream e Samsung Gear VR.

Dal punto di vista dell’utente, l’arrivo di inserzioni pubblicitarie all’interno del mondo VR costituisce sia una buona che una cattiva notizia: da un lato infatti permetterà di accedere ad un catalogo sempre più ampio di applicazioni, giochi e contenuti gratuiti, supportati dai proventi dell’advertising, dall’altro invece renderà una parte consistente delle esperienze virtuali una sorta di tour promozionale.

La demo presentata sul blog di Google, mostra un cubo pubblicitario tridimensionale all’interno dell’ambiente virtuale.
Attraverso i movimenti del cubo viene attirata l’attenzione dell’utente e nel momento in cui si guarda si apre una finestra con all’interno una pubblicità tradizionale.
Con le stesse modalità dell’advertising attuale, dopo pochi secondi sarà possibile chiudere il banner e tutto torna all’interno del cubo tridimensionale con l’indicazione di come poter o meno scaricare l’applicazione consigliata.
Google lancia advertising nella realtà virtuale
Google lancia advertising nella realtà virtuale

 

Aayush Upadhyay e Neel Rao, sviluppatori di Area 120 affermano:

Le pubblicità all’interno della realtà virtuale dovranno essere facili da implementare per gli sviluppatori, pensate appositamente per un ambiente VR e non intrusive per gli utenti”.

Realtà virtuale

Un tempo la realtà virtuale era solo fantascienza, oggi, è diventata invece una realtà vera e propria.

Questo si deve innanzitutto all’ubiquità e alla qualità dei dispositivi mobili.

Ad esempio con un semplice pezzo di cartone oggi giorno possiamo usare i nostri smartphone per immergerci nella realtà virtuale.

Google ha distribuito milioni di Google Cardboard per rendere la realtà virtuale a portata di tutti.

Tutti i video di YouTube sono disponibili in realtà virtuale, costituendo di fatto la più grande libreria di contenuti VR al mondo.

La tecnologia ha il potere quindi di cambiare le nostre vite, e  questo è solo l’inizio.

Non ci resta altro che abituarci all’idea di avere pubblicità anche in campo tridimensionale!

 

Ogni problema nasconde un’opportunità. Noi sappiamo trovarla. Contattaci!

Google lancia advertising nella realtà virtuale. Ultima modifica: 2017-07-12T14:11:56+00:00 da Ileana Somma